La scoordinata sorpresa finale

La sorpresa finale fa parte della tradizione della data di S. Stefano (di cui ho già parlato in questo post): ogni anno prepariamo qualcosa di diverso per augurare buone feste, dalle poesie alle canzoni. Questa volta abbiamo esagerato e abbiamo scelto la canzone conclusiva di Aggiungi un posto a tavola, dal momento che l’azione della commedia ha il suo motore proprio nell’arrivo di un ospite di troppo, a cui però si deve fare spazio.

Come si nota dal video qui sotto, io ho cercato di dirigere il resto della compagnia, quasi invano.

La banda di sedici scoordinati ballava sul palco, praticamente ignorando le mie pur vistose indicazioni per i movimenti da seguire. Tutto a causa di un paio di disturbatori, chiamiamoli così, a cui piace fà dal ragò (che in dialetto pianellese significa “fare chiasso”): Andrea tirava la tunica da prete indossata da Michele, il quale non riusciva ad alzarsi dalla sedia e ha continuato a ridere per tutta la durata della canzone.

Ma, si sa, a noi non piace fare le cose in modo troppo serio. Altrimenti non ci chiameremmo Povar Lucc.

Annunci

Un pensiero su “La scoordinata sorpresa finale

  1. Pingback: Buona la prima (e anche la replica) « I Povar Lucc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...