Ballata per il Ballonaio

Stasera alle 21.00 il Teatro di Pianello V.T., recentemente inaugurato, ospiterà lo spettacolo “Ballata per il Ballonaio”, scritto da Alberto Bellocchio con la regia di Flavio Ambrosini. Sul palco reciterà una compagnia teatrale particolare. Si tratta di una fusione tra la Compagnia del Castello di Castelnuovo V.T., che presta tre suoi attori, e due Povar Lucc, Riccardo Cremona e io.

E’ la prima volta che recitiamo sotto la guida di un regista… vero. In due mesi di prove abbiamo dovuto imparare a recitare “per davvero”, tra esercizi di respirazione, intonazioni e gestualità da perfezionare. Ma, oltre agli aspetti tecnici, è stato interessante imparare ad immedesimarsi nella storia. Ci siamo spesso soffermati sulle specificità dei personaggi della ballata, sulle atmosfere da ricreare, sul legame tra la storia e la Storia, quella del Ballonaio, del Balunèr.

Giovanni Lazzetti “andava per i mercati col padre […]. Gianni gonfiava i palloncini (al balunèr, avete capito?), li esibiva ai bambini e alle mamme… ci sapeva fare!”. Temerario e amico del popolo, eroe e antieroe, al Balunèr è rievocato dai personaggi della ballata, come un ricordo, una leggenda, presente e assente insieme.

L’intreccio si concentra sugli eventi del novembre 1944, alla vigilia dei grandi rastrellamenti. Giovanni Lazzetti è famoso nel piacentino per le sue azioni sconsiderate, tra cui una finta trattativa coi comandi repubblicani e nazisti per una resa negoziata delle formazioni partigiane, senza alcuna autorizzazione del suo comando. Questo episodio lo porta a contatto con ministri della repubblica e generali della Wermacht, che già pregustavano la clamorosa operazione. Ma Lazzetti si sgancia e torna nei ranghi in montagna: la più grande beffa del Balunèr!

Stasera a teatro tutti i posti a sedere saranno occupati – noi attori non nascondiamo una certa euforia e un pochino di agitazione. Insieme ricorderemo la Liberazione rappresentando una storia vera, per non dimenticare i valori del coraggio e della libertà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...